Commercio al dettaglio su aree pubbliche itinerante/su posteggio in concessione – cessare, sospendere e riprendere, cambiare ragione sociale

Requisiti morali e professionali, quest’ultimi richiesti solo in caso di commercio di prodotti rientranti nel Settore Alimentare e Somministrazione di Alimenti e Bevande, definiti dall’art. 71 del D.Lgs. 59/2010. ATTENZIONE: sono variati i requisiti morali e professionali per l’accesso ed esercizio ad attività di commercio.

N.B.: la dimostrazione di possedere il requisito professionale nell’avere prestato la propria opera per almeno due anni, anche non continuativi,nel quinquennio precedente, nel settore alimentare o nel settore della somministrazione di alimenti e bevande in qualità di dipendente qualificato, addetto alla vendita o alla somministrazione o alla preparazione degli alimenti, o in qualità di socio lavoratore o, se trattasi di coniuge, parente o affine entro il terzo grado dell’imprenditore, in qualità di coadiutore familiare, deve essere comprovato, oltre che dalla iscrizione all’I.N.P.S., dalla attestazione degli adempimenti contributivi minimi prevista da parte della previdenza sociale nazionale.
L’attestazione è resa dall’I.N.P.S. su richiesta dell’interessato.

La cessazione, la sospensione, il cambio di ragione sociale nell’attività di commercio su aree pubbliche in forma itinerante e su posteggio in concessione devono essere comunicate al SUAP utilizzando l’apposita Modulistica Comunale allegata alla presente:

– Commercio aree pubbliche itinerante

– Commercio aree pubbliche su posteggio

 

in caso di cambiamento di ragione sociale una volta compilata e sottoscritta, deve essere scansionata, in modo che riporti la firma autografa del titolare e trasmessa al SUAP a mezzo Posta Elettronica Certificata con allegata la documentazione qui di seguito indicata:

  • Scheda 2 riferita al titolare o legale rappresentante, al delegato (qualora designato) in possesso dei requisiti professionali per la somministrazione di alimenti e bevande, ed a ciascuno dei soci e degli amministratori aventi poteri di firma
  • Certificazione notarile relativa al cambiamento di ragione sociale in formato pdf.;
  • Copia scansionata documento d’identità

 

In caso di cessazione/sospensione dell’attività una volta compilata e sottoscritta l’apposita Modulistica Comunale, deve essere scansionata, in modo che riporti la firma autografa del titolare e trasmessa al SUAP a mezzo Posta Elettronica Certificata con allegata la documentazione qui di seguito indicata:

  • Copia scansionata documento d’identità

La comunicazione di cessazione, sospensione, modifica di ragione sociale deve essere altresì inoltrata al Registro Imprese presso la CCIAA per mezzo del link COMUNICA

In caso di attività Alimentare/Somministrazione di Alimenti e bevande inoltrare anche SCIA Mod. B ai sensi della L.R. 33/2009 per mezzo del link MUTA unitamente alla documentazione di seguito indicata:

  • Attestazione di versamento di Euro 35,00, ccp n. 41078205 intestato a ASL della Provincia di Milano n.1 via Al Donatore di Sangue n.50 20013 Magenta. Oppure il versamento può essere effettuato tramite Bonifico Bancario intestato a: ASL Provincia di Milano 1 Via Al Donatore di Sangue n. 50 20013 Magenta IBAN: IT06B0558433321000000015104. Nella causale indicare: Centro di Costo (CDC) SIAN 3400 – notifica di cessazione/sospensione/ripresa/cambiamento di ragione sociale attività alimentare.

In caso di cessazione dell’attività oltre al Modello Comunale dovrà essere inoltrata tramite posta al SUAP Comunale o presentata a mano presso l’Ufficio Protocollo apposita nota in formato cartaceo corredata dall’originale del titolo autorizzatorio dell’attività che cessa

In caso di cessazione/sospensione/ripresa dell’attività il SUAP rilascerà attestazione di ricezione della pratica riportante n. di protocollo, data e codice pratica trasmettendola alla casella PEC dell’interessato.

Il SUAP entro 30 giorni provvederà all’aggiornamento presso il Registro Imprese, ad informare gli Uffici Comunali interessati, nonchè la competente ASL (quest’ultima solo in caso di attività alimentare).

In caso di cambiamento di ragione sociale il SUAP rilascerà attestazione di ricezione della pratica riportante n. di protocollo, data e codice pratica trasmettendola alla casella PEC dell’interessato.

Dalla data di rilascio dell’attestazione l’attività si considera modificata. Il SUAP entro 30 giorni svolge le necessarie verifiche sui requisiti autodichiarati ed, in caso di esito favorevole, comunica all’impresa l’avvenuta conclusione positiva aggiornando nell’apposita sezione del SUAP lo stato della pratica, dandone notizia anche al Registro Imprese presso la CCIAA, agli uffici comunali interessati nonchè la competente ASL in caso di attività alimentare.

In caso di riscontrate difformità invita l’interessato a conformare la comunicazione entro il termine di 30 giorni. Decorso inutilmente il termine o in caso di impossibilità a conformare la comunicazione il SUAP emette provvedimento di divieto di prosecuzione dell’attività, aggiorna lo stato della pratica e ne informa gli enti interessati compreso il Registro Imprese.

Entro 90 giorni dalla data di comunicazione del cambiamento di ragione sociale dovrà essere aggiornata la Carta di esercizio e integrata dalla foto tessera del titolare e dipendenti/collaboratori/soci in caso di aggiunta/sostituzione degli stessi, al fine di non rincorrere nelle sanzioni di legge.

Corrispettivi Comunali

Struttura: Affari Generali – SUAP

Referente: Daniela Piffaretti

Telefono: 02. 91004 318
Fax: 02. 91004 406
E-mail: suap@comune.paderno-dugnano.mi.it

Orari: dal lunedì al venerdì: 8:15 – 12:30

Ente :
Comune di Paderno Dugnano
Sportello :
SUAP PADERNO DUGNANO
Procedimento :
Commercio al dettaglio su aree pubbliche itinerante/su posteggio in concessione – cessare, sospendere e riprendere, cambiare ragione sociale
Prodotto :

Commercio al dettaglio su aree pubbliche itinerante/su posteggio in concessione – cessare, sospendere e riprendere, cambiare ragione sociale

Termini di conclusione del procedimento (decorrenti dalla ricezione da parte del protocollo dell’Ente, che sarà oggetto di specifica comunicazione da parte dell’ufficio) :
30gg.

LR 2 febbraio 2007 n. 1 Strumenti di competitività per le imprese e per il territorio della Lombardia

D.Lgs. 31 marzo 1998 n. 114 Riforma della disciplina relativa al settore del commercio

L.R. 30 dicembre 2009 n. 33 Testo Unico delle Leggi Regionali in materia di sanità

L.R. 2 febraio 2010 n. 6 Testo Unico delle Leggi Regionali in materia di commercio e fiere

D.LGS. 26 marzo 2010 n. 59 Attuazione direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno

L. 30 luglio 2010 n. 122 Conversione in legge con modificazioni del D.L. 31/05/2010 n. 78 recante misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competività economica

D.P.R. 7 settembre 2010 n. 160 Regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attività produttive ai sensi dell’articolo 38 comma 3 del D.L. 25/06/2008 n. 112 convertito con modificazioni dalla legge 6/8/2008 n. 133

DGR 3 dicembre 2008 n. 8/8547 Semplificazione amministrativa in attuazione della legge regionale 2 febbraio 2007 n. 1 art. 5 – Semplificazione di procedimenti per l’avvio di attività economiche – 3° provvedimento

DGR 02 aprile 2008 n. 8/6919 Semplificazione amministrativa in attuazione della l.r. 2 febbraio 2007, n. 1, art. 5 – Semplificazione di procedimenti ed eliminazione di certificazioni per l’avvio di attività economiche – 2° provvedimento