Richiedere l’installazione di un impianto pubblicitario

Non sono richiesti requisiti specifici.

Nuovo impianto pubblicitario

Le richieste di autorizzazione sono indirizzate all’Ufficio Viabilità e Mobilità e presentate all’Ufficio Protocollo compilando l’apposita modulistica.

Per impianti posti fuori del centro abitato, nelle strade statali, regionali e provinciali, l’interessato deve presentare istanza di autorizzazione all’Ente proprietario della strada, fermo restando che il rilascio dell’autorizzazione è subordinato al nulla osta dell’Amministrazione Comunale.

Il rilascio dell’autorizzazione è di competenza del Comune per i tratti di strade statali, regionali, provinciali o di altri enti e ditte private, correnti all’interno del centro abitato individuato ai sensi degli artt. 3 e 4 del nuovo codice della strada.
Nel caso l’impianto sia collocato su area comunale ma in vista di una strada di altro ente sarà il comune a chiedere il nulla osta e le spese dell’istruttoria sono a carico del richiedente.
Ogni domanda, deve riferirsi ad una sola attività e dovrà riguardare un solo impianto, il quale dovrà essere esattamente individuato sugli elaborati allegati alla richiesta.

La domanda per la installazione di mezzi pubblicitari a carattere sanitario deve essere presentata, previa autorizzazione del messaggio pubblicitario da parte dei rispettivi ordini o collegi professionali locali, nel rispetto della legge 5/2/92 n. 175 “Norme in materia di pubblicità sanitaria e di repressione dell’esercizio abusivo della professione”.

Per l’esposizione di messaggi temporanei effettuati sulle vetrine, sulle porte di ingresso ed all’interno dei locali, è sufficiente esibire in caso di controllo da parte del competente Comando di P.L. l’avvenuto pagamento dell’imposta sulla pubblicità al gestore del servizio pubblico (AIPA), se e quando dovuta.

I manifesti e le locandine affissi direttamente dagli interessati esclusivamente all’interno delle vetrine e dei negozi, previo accordo con i proprietari, non necessitano di autorizzazione amministrativa ma devono assolvere l’imposta di pubblicità, se dovuta, e riportare comunque il timbro del concessionario.

L’esposizione di mezzi pubblicitari, nel rispetto delle presenti norme, è altresì consentita senza il rilascio della prescritta autorizzazione nei casi di esposizione di targhe professionali (ad eccezione di quelle a carattere sanitario), di locandine, targhe e/o altra pubblicità avente dimensione massima cm. 50×40, scritte sui veicoli in genere, pubblicità relativa a vendite e locazioni di immobili posta sui fabbricati stessi fino alla suddetta dimensione massima di cm 50 x 40 fermo restando l’obbligo di esibire in caso di controllo da parte del competente Comando di P.L. l’avvenuto pagamento dell’imposta sulla pubblicità al gestore del servizio pubblico, se e quando dovuta.

 

Sostituzione e modifica di cartelli e altri mezzi pubblicitari

Qualora s’intenda sostituire un cartello o un altro mezzo pubblicitario esistente, dovrà essere presentata domanda con le modalità previste per la nuova autorizzazione.

Qualora il soggetto titolare dell’autorizzazione intenda variare o integrare il messaggio pubblicitario esposto sul mezzo pubblicitario esistente, deve presentare istanza presso l’ufficio competente per ottenere il nulla-osta ad apportare le variazioni o integrazioni richieste. Alla suddetta istanza deve essere allegato il bozzetto del nuovo messaggio.

L’eventuale nulla-osta rilasciato è valido fino alla naturale scadenza dell’autorizzazione, alla quale dovrà essere allegato per costituirne parte integrante.

La durata delle autorizzazioni a carattere permanente può essere rilasciata per un periodo massimo di tre anni ed è rinnovabile.

Per ottenere il rinnovo è necessario dimostrare che permangono tutte le condizioni iniziali che hanno permesso il rilascio dell’autorizzazione in scadenza. Qualora una o più di queste condizioni siano variate, alla domanda di rinnovo dovrà essere allegata la documentazione necessaria, tra quella prevista per la nuova autorizzazione affinché l’ufficio abbia tutti gli elementi per verificare la possibilità di rinnovo.

La durata delle autorizzazioni a carattere temporaneo, non può superare i 12 mesi ad esclusione dei cartelli riguardanti locazione o compravendita di immobili che potranno avere una durata massima, anche se frazionata in più periodi, di 24 mesi.

Per quanto riguarda l’esposizione di insegne d’esercizio, la richiesta va presentata all’Ufficio Commercio o all’Ufficio Attività Produttive, in base all’attività svolta.

Entro il termine di 60 giorni dalla presentazione della domanda verrà ultimata la fase istruttoria e ne verrà data comunicazione al richiedente e per conoscenza al gestore del servizio di riscossione dell’imposta sulla pubblicità, affinché, nel caso in cui la richiesta sia autorizzata, venga versata la relativa imposta.

Nel termine dei 60 giorni, utili per ultimare la fase istruttoria di cui al comma precedente, non viene conteggiato il tempo che intercorre, qualora ne ricorrano gli estremi, tra la data di invio della richiesta di nulla-osta da parte dell’ufficio competente all’ente proprietario della strada (se diverso dal comune), e la data in cui perviene in comune il suddetto nullaosta inviato dall’ente competente.

Il termine di 60 giorni di cui al comma 1 è sospeso nel caso in cui l’ufficio che istruisce la pratica, richieda ulteriore o più precisa documentazione necessaria all’espletamento della domanda. Qualora l’ulteriore documentazione richiesta non sia prodotta dall’interessato entro 30 giorni dalla richiesta, la domanda sarà annullata.

– diritti di segreteria

– Tassa pubblicità se dovuta presso TRE ESSE ITALIA Srl, con sede a Paderno Dugnano (MI) in via Gramsci 1

Struttura: Governo e Opere per il Territorio e l’Ambiente –  Ufficio Viabilità – Mobilità – Trasporti

Referente: Ernesto D’Aquino
Tecnici: Laura Pelucchi e Saverio Strati
Telefono Segreteria: 02 91004 364
E-mail: viabilita@comune.paderno-dugnano.mi.it

Orario: lunedì, martedì e giovedì:  16:45 – 17:45
venerdì: 08:15 – 12:15