Somministrazione di alimenti e bevande all’interno di circoli/associazioni aderenti a enti o organizzazioni nazionali aventi finalità  assistenziali riconosciuti dal Ministero – Dichiarare l’avvio dell’attività 

La somministrazione di alimenti e bevande da parte di associazioni che siano aderenti ad enti o organizzazioni nazionali le cui finalità assistenziali siano riconosciute dal Ministero dell’Interno e si trovino nelle condizioni per la quale è prevista l’agevolazione fiscale sui redditi, è soggetta ad inoltro di DIA.

Nel caso in cui l’Associazione o il circolo non aderisca ad enti od organizzazioni nazionali aventi finalità assistenziali riconosciute dal Ministero dell’Interno ed intenda svolgere direttamente attività di somministrazione a favore dei propri associati, presso la sede istituzionale, è tenuta a presentare al Comune domanda ai sensi delle normative nazionali e regionali vigenti in materia di somministrazione di alimenti e bevande (vedi modulo comunale e apposita Scheda)

L’apertura dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande all’interno di circoli / associazioni aderenti a enti o organizzazioni nazionali aventi finalità assistenziali è soggetta a DIA da inoltrare tramite PEC utilizzando la modulistica comunale allegata alla presente scheda unitamente alla seguente documentazione:

  • Copia scansionata del documento d’identità in corso di validità;
  • Copia scansionata atto costitutivo e statuto redatto nella forma dell’atto pubblico o della scrittura privata autenticata e registrata o della scrittura privata registrata;
  • Copia scansionata certificato di appartenenza/affiliazione;
  • Copia scansionata verbale di assemblea per eventuale cambio Presidente redatto nella forma dell’atto pubblico o della scrittura privata autenticata e registrata o della scrittura privata registrata;
  • Copia scansionata permesso di soggiorno in corso di validità (solo per i cittadini stranieri);
  • Copia scansionata planimetria dei locali firmata da tecnico iscritto all’albo con evidenziati i requisiti di sorvegliabilità ai sensi del D.M. n., 564/92;
  • Copia scansionata autocertificazione dei requisiti edilizio-urbanistici da rendersi mediante l’apposito modello allegato alla presente scheda, certificato di agibilità dei locali o estremi della stessa ovvero autodichiarazione di agibilità dei locali, ai sensi della L.R. 1/2007 firmata da tecnico abilitato, in formato pdf.. I locali oggetto dell’attività devono avere destinazione d’uso conforme e compatibile all’esercizio dell’attività segnalata. Devono già possedere agibilità edilizia per uso commerciale o uso compatibile all’attività commerciale;
  • Copia scansionata autocertificazione circa la sussistenza dei requisiti di sorvegliabilità dei locali (allegata alla presente);
  • SCIA Mod. A Scheda di notifica ASL;

La SCIA (Mod. A), quale autodichiarazione della sussistenza dei requisiti igienico-sanitari, ai sensi della L.R. 33/2009, deve essere inoltrata al SUAP per mezzo del link COMUNICA, unitamente alla seguente documentazione:

copia scansionata dell’attestazione di versamento di Euro 35,00, ccp n. 41078205 intestato a ASL Provincia di Milano 1 via Al Donatore di Sangue n.50 20013 Magenta. Oppure il versamento può essere effettuato tramite Bonifico Bancario intestato a: ASL Provincia di Milano 1 via Al Donatore di Sangue n. 50 20013 Magenta IBAN: IT06B0558433321000000015104. Nella causale idicare: Centro di Costo (CDC) SIAN 3400 – notifica di inizio attività alimentare.

L’inizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande può avvenire immediatamente dopo la ricezione dell’attestazione del SUAP, riportante n. di protocollo, n. codice pratica, che è trasmessa alla casella PEC dell’interessato.

Il SUAP entro 45 giorni dall’inoltro della DIA svolge le necessarie verifiche sui requisiti autodichiarati ed, in caso di esito favorevole, comunica all’impresa l’avvenuta conclusione positiva aggiornando nell’apposita sezione del SUAP lo stato della pratica, dandone notizia anche al Registro Imprese presso la CCIAA.

In caso di riscontrate difformità invita l’interessato a conformare la DIA entro il termine di 30 giorni dal ricevimento della comunicazione. Decorso inutilmente il termine o in caso di impossibilità a conformare la DIA il SUAP emette provvedimento di divieto di prosecuzione dell’attività, aggiorna lo stato della pratica e ne informa gli enti interessati compreso il Registro Imprese.

Corrispettivi servizi Comunali

Struttura: Settore Affari Generali – SUAP

Referente: Daniela Piffaretti

Telefono: 02. 91004 318

Fax: 02. 91004 406

E-mail: suap@comune.paderno-dugnano.mi.it

Orari: dal lunedì al venerdì: 8:15 – 12:30

Ente :
Comune di Paderno Dugnano
Sportello :
Ufficio Commercio e attivita’ economiche
Procedimento :
Dichiarazione di avvio attività di somministrazione all’interno di circoli / associazioni aderenti a enti o organizzazioni nazionali aventi finalità assistenziali
Prodotto :

Dichiarare l’avvio dell’attività di somministrazione all’interno di circoli / associazioni aderenti a enti o organizzazioni nazionali aventi finalità assistenziali

Termini di conclusione del procedimento (decorrenti dalla ricezione da parte del protocollo dell’Ente, che sarà oggetto di specifica comunicazione da parte dell’ufficio) :
45gg.

L.R. 23 gennaio 2007 n.1 Strumenti di competitività per le imprese e per il territorio della Lombardia
LR 2 aprile 2007 n. 8 Disposizioni in materia di attivita’ sanitarie e socio-sanitarie
DPR 04 aprile 2001 n. 235 Regolamento recante semplificazione del procedimento per il rilascio dell’autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande da parte di circoli privati