Trasformazione del diritto di superficie in proprietà e…

ALLOGGI EX LEGGE 167/62, NOVITA’ NORMATIVE SUL CALCOLO DEI CORRISPETTIVI

Il Legislatore è intervenuto nuovamente sulla procedura e le modalità di calcolo per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà degli alloggi realizzati ai sensi della ex Legge 167/62.

Sulla Gazzetta Ufficiale del 29 giugno 2022 è stata, infatti, pubblicata la Legge n. 79/2022 che interviene sul calcolo dei corrispettivi recentemente modificati con la Legge 51/2022 in vigore dal 21 maggio scorso.

Quest’ultima norma, in particolare, è intervenuta eliminando i limiti massimi di € 5.000 (previsti per alloggi e pertinenze la cui superficie catastale residenziale è inferiore ai 125 mq) e di 10.000 euro (previsti per alloggi e pertinenze superiori a 125 mq) che erano stati introdotti alla fine del mese di luglio 2021 con la Legge 108/2021.

La Legge ora in vigore prevede una fase transitoria di salvaguardia per le domande di trasformazione e di affrancazione che sono state presentate entro il 21 maggio 2022 a cui, quindi, si potranno applicare i citati limiti massimi (5.000 o 10.000 euro secondo la superficie di riferimento) ai corrispettivi. Per le richieste presentate dal 22 maggio 2022 si applicherà la disciplina che è possibile approfondire prosegendo nella lettura della pagina.


Trasformazione del diritto di superficie in proprietà e rimozione vincoli soggettivi

IN COSA CONSISTE

Nella possibilità, da parte dei soggetti assegnatari, degli alloggi realizzati in edilizia convenzionata nei comparti PEEP (Piani Edilizia Economica Popolare), di acquistare il terreno in cui insiste l’immobile, nella parte pro quota relativa, già concesso per 90 anni in diritto di superficie dal Comune alle Cooperative o Imprese edificatrici e trasferiti agli aventi requisiti a prezzi calmierati.

Nei casi di alloggi realizzati in diritto di proprietà e assegnati ai soggetti aventi requisiti e a prezzi calmierati, della rimozione dei vincoli soggettivi e di prezzo massimo di cessione/locazione.

L’acquisto in piena proprietà e/o rimozione dei vincoli convenzionali si perfezionerà nella stipula di una nuova convenzione, a fronte dei corrispettivi per la trasformazione del diritto e per la rimozione dei vincoli calcolati dal Comune.

A CHI SI RIVOLGE

A tutti i proprietari di alloggi realizzati in aree comprese nei Piani di Zona 167/62, già concesse in diritto di superficie o in diritto di proprietà, a condizione che siano trascorsi almeno cinque anni dalla data del primo trasferimento dell’alloggio.

In particolare:

I soggetti in diritto di superficie possono chiedere la trasformazione in diritto di proprietà e anche la rimozione dei vincoli sul prezzo di alienazione e sul canone di locazione.

I soggetti in diritto di proprietà possono chiedere la rimozione dei vincoli sul prezzo di cessione dell’alloggio e sul canone di locazione e dei requisiti soggettivi necessari per l’assegnazione.

COME ATTIVARE LA PROCEDURA

La trasformazione del diritto di superficie in diritto di piena proprietà sulle aree può avvenire a seguito di proposta da parte del comune e di accettazione da parte dei singoli proprietari degli alloggi. I soggetti interessati possono presentare, di propria iniziativa, istanza di trasformazione del diritto di superficie in diritto di piena proprietà.

Il comune deve trasmettere le proprie determinazioni in ordine al corrispettivo dovuto e alla procedura di trasformazione entro novanta giorni dalla data di ricezione dell’istanza.

COME VIENE DETERMINATO IL CORRISPETTIVO PER LA TRASFORMAZIONE E LA RIMOZIONE DEI VINCOLI

Il valore viene determinato sulla base di modalità definite per legge. La norma in vigore recentemente integrata con modifiche e integrazioni è la Legge del 23 dicembre 1998 n. 448 nella quale vengono stabiliti i criteri per il calcolo dei corrispettivi.

Per calcolo del Corrispettivo per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà riferito alle unità immobiliari assegnate si applica la seguente formula:

C=[(Vv x 60%) – oneri concessori del diritto di superficie rivalutati ]x QM

dove:

C = Corrispettivo trasformazione

Vv = Valore venale

QM = Quota millesimale

Per la rimozione dei vincoli soggettivi e di prezzo massimo di cessione/locazione si applica la seguente formula:

CRV = Cc. 48*QM*0,5*(ADC – ATC)/ADC

dove:

CRV = Corrispettivo rimozione vincoli

Cc. 48 = Corrispettivo risultante dall’applicazione dell’art.31, c. 48, della legge n. 448 del 1998 (corrispettivo per la trasformazione del diritto di superficie in piena proprietà)

QM = Quota millesimale

ADC = Numero degli anni di durata della convenzione

ATC = Numero di anni, o frazione di essi, trascorsi dalla data di stipula della convenzione, fino alla durata massima della convenzione.

in caso di convenzione avente ad oggetto la cessione del diritto di superficie e durata compresa tra 60 e 99 anni, il valore CRV di cui al comma 2 è moltiplicato per un coefficiente di riduzione pari a 0,5, secondo la seguente formula:

CRVs = CRV* 0,5

dove:

CRVs = Corrispettivo rimozione vincoli convenzioni cessione diritto di superficie

AGGIORNAMENTI/PRECISAZIONI

Con la Legge 51/2022 sono state apportate alcune modifiche alla norma di riferimento L. 448/1998 fin qui descritte e vigenti dal 21 maggio 2022.

Per le istanze presentate successivamente all’entrata in vigore della suddetta norma ovvero pervenute dopo il 21 maggio 2022 si applicherà la procedura fin qui descritta.

Per le istanze depositate in data precedente al 21 maggio 2022 e in corso di definizione si specifica che con la L. 79/2022 viene precisato che  “Sono fatte salve le procedure di cui all’articolo 31, commi 46, 47, 48, 49-bis e 49-ter, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, relative alle istanze già depositate dai soggetti interessati fino alla data di entrata in vigore della legge di conversione …” pertanto verranno applicate le regole vigenti alla data di presentazione delle istanze già stabilite dalla Delibera di Consiglio Comunale n. 63 del 30/11/2021 avente ad oggetto “Procedure di trasformazione aree peep in diritto di superficie ai sensi della legge n. 448/1998.

Presa d’atto dei contenuti dell’art.22 bis della legge n. 108 del 29 luglio 2021. Determinazione corrispettivo affrancazione vincoli. Determinazione dilazione corrispettivi” consultabile qui.

COME EFFETTUARE I PAGAMENTI

Così come deliberato dal Consiglio Comunale il pagamento può avvenire in due modalità:

  1. In unica soluzione da corrispondere prima della data di stipula dell’atto di trasformazione
  2. In forma rateizzata secondo la seguente dilazione di pagamento:
    – 1° rata (entro 30 gg. dal ricevimento della proposta di trasformazione e rimozione di vincoli) pari al 25% della quota totale dovuta (con obbligo di fidejussione per la quota del 75% restante a saldo);
    – 2° rata pari al 25% entro 6 mesi dalla data di versamento della 1° rata
    – 3° rata pari al 25% entro 12 mesi dalla data di versamento della 1° rata
    4° rata, a saldo, pari al restante 25% entro 18 mesi dalla data di versamento della 1° rata

nel caso di pagamento rateizzato, al corrispettivo delle rate residue sarà aggiunto l’interesse legale vigente e al momento della stipulazione dell’atto dovrà essere presentata idonea garanzia fideiussoria rilasciata da imprese bancarie o assicurative che rispondano ai requisiti di solvibilità previsti dalle norme.

I tutti i casi l’Ufficio Pianificazione Attuativa – Edilizia Convenzionata emetterà gli avvisi di pagamento di PAGOPA.

COME PRESENTARE L’ISTANZA

Il modello di richiesta presente qui compilato in ogni sua parte con allegato documento di riconoscimento dovrà essere inoltrato nelle seguenti modalità:

a) consegna all’Ufficio Protocollo (previo appuntamento con l’Ufficio Relazioni con il Pubblico tel. 0.291004 444)

b) trasmesso con pec: comune.paderno-dugnano@pec.regione.lombardia.it

c) trasmesso via mail: protocollo@comune.paderno-dugnano.mi.it

Per ulteriori informazioni rivolgersi alla segreteria dell’Ufficio Pianificazione Attuativa -Edilizia Convenzionata al numero di tel. 02.91004 460 oppure alla mail: urbanistica@comune.paderno-dugnano.mi.it


Normativa di riferimento

Le principali normative di riferimento sono:

Atti comunali di riferimento

Cooperative le cui perizie di stima dell’area realizzate in diritto di superfice sono già in possesso dell’amministrazione

Comparto PA1

  • Cooperativa La Ringhiera, via Mosè Bianchi 58-60 e via Pesenti1-3
  • Cooperativa De Gasperi, via Corridori,77
  • Cooperativa Del Bosco, via Corridori,79, via Mosè Bianchi 62
  • Cooperativa Silvia, via Mosè Bianchi 31

Comparto PA2

  • Cooperativa Edile Palazzolese, via G. B. Vico 9-11, via Don Anghileri 2-8
  • Cooperativa Metropolitana Lombarda, via Alfieri 8
  • Cooperativa Gardenia, via G.B. Vico 1-3

Comparto PA3

  • Cooperativa Lavoratori Tonolli, via Baracca 1

Comparto PA4

  • Cooperativa Acli Speranza, via Perosi 15
  • Cooperativa Garofano 1, via Novella 3
  • Cooperativa La Speranza, via Novella 5-7-9
  • Cooperativa Impresa CIC, via Novella 2-4
  • Cooperativa Edilmonari, via C. Riboldi 117
  • Cooperativa Consorzio Edinco, via Chopin 18
  • Cooperativa Verbena, via Chopin 12-14, via Vivaldi 8-10-18-20-22-24
  • Cooperativa Mazzini , via Chopin 22
  • Cooperativa La Speranza Via Armstrong 11

Comparto PA5

  • Cooperativa Casa degli amici, via G. Dalla Chiesa, da 1 a 61
  • Cooperativa Luana, via G. Dalla Chiesa da 63 a 85
  • Cooperativa Ambra, via G. Dalla Chiesa da 87 a 121
  • Cooperativa Botticelli, via Alessandrina 21
  • Cooperativa Mazzini 3, via Alessandrina 27
  • Cooperativa Mazzini 3, Via Leopardi, 15
  • Cooperativa La Famiglia, via Rosselli 18-20
  • Cooperativa La Famiglia, via Rosselli 12-14-18-20, via Cairoli 28

Comparto PA6

  • Cooperativa Consorzio Mantovano Virgilio, via Messico, via Brasile 3-5
  • Cooperativa Impresa Marcora, via Argentina 51-55-57
  • Cooperativa Tonolli, via Tripoli 98, via Brasile 7

Comparto PA7

  • Cooperativa Iniziativa Padernese, via M.L.King 10

INFO

Ufficio Pianificazione Attuativa – Edilizia Convenzionata – telefono 0291004 460 oppure scrivi all’ufficio

In allegato:

⇒ Modello Istanza per la determinazione del corrispettivo di trasformazione del diritto di sperficie in proprietà e rimozione vincoli

Aggiornamento al 13 luglio 2022