Recupero vani e locali seminterrati esistenti – L.R. 7/2017

La Legge Regionale 10 marzo 2017 n. 7  promuove il recupero dei vani e locali seminterrati ad uso residenziale, terziario o commerciale, con l’obiettivo di incentivare la rigenerazione urbana, contenere il consumo di suolo e favorire l’installazione di impianti tecnologici di contenimento dei consumi energetici e delle emissioni.
La legge stessa prevede, all’art. 4 c.1, che i Comuni possono disporre l’esclusione di parte del territorio dall’applicazione della legge, motivata in relazione a specifiche esigenze di tutela paesaggistica, igienico-sanitaria, di difesa del suolo e di rischio idrogeologico in particolare derivante dalle classificazioni P2 e P3 del Piano di gestione Rischio Alluvioni nel bacino del fiume Po (PGRA).

I Comuni, sulla base di quanto definito nella componente geologica del PGT e di indicazioni dei gestori del servizio idrico integrato, individuano specifici ambiti di esclusione in presenza di fenomeni di risalita della falda che possono determinare situazioni di rischio nell’utilizzo di spazi seminterrati.

Il Consiglio Comunale con delibera n. 28 del 11 luglio 2017 ha approvato, ai sensi dell’art. 4 della Legge Regionale 7/2017, l’individuazione di alcune parti di territorio per le quali escludere la possibilità di recuperare vani e locali seminterrati ad uso residenziale, terziario o commerciale.

L’applicazione è comunque esclusa per le parti di territorio per le quali sussistono limitazioni derivanti da situazioni di contaminazione o da operazioni di bonifiche in corso o già effettuate.

INFO
Servizio Pianificazione Urbanistica – Edilizia Privata
tel. 02.91004 487/316

ultimo aggiornamento: 27 luglio 2017